Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo

È la chiesa parrocchiale, dedicata al Santo patrono dei Longobardi, attestata nel 1210 ma sorta sicuramente attorno al Mille.

Edificio romanico, fu trasformato nel tardo Medioevo in un edificio a tre navate secondo la descrizione (1567) lasciata da San Carlo in occasione in una delle sue visite.

Fu infine ristrutturata nel 1787 per assumere la forma attuale.

A nord della chiesa si trovano un portico, sostenuto da due pilastri che doveva appartenere all’antica chiesa, e il campanile eretto nel 1861.

L’altare moderno, del 1969, spoglio secondo l’uso liturgico attuale, è a blocco e porta un Crocefisso di Remo Rossi.

Nella cappella laterale di sinistra troviamo decorazioni in stucco e un altare del 1760 con la statua della Madonna del Carmelo.

La cappella di destra, dedicata a Sant’Antonio, accoglie l’altare gotico a portelli, proveniente da san Nicola, di chiaro gusto nordico, datata 1517.

Sulla parete a volta del coro tre grandi dipinti di Emilio Maria Beretta (1947): San Michele al centro, Adamo ed Eva a sinistra eLa Sacra Famiglia a destra.

Nella cantoria in fondo alla chiesa il grande organo storico costruito nel 1797 dai Fratelli Chiesa di Milano.